FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • documentiDocumenti FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio


  • photogalleryFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • videogalleryFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • faqFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • normativaFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • notiziarioFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio


FAQ

  • Inserisci una domanda
    • Chiudi
  • Come si possono consultare i testi della Biblioteca di Coverciano?

    Il materiale in dotazione alla Biblioteca di Coverciano è liberamente consultabile in sede ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 11,30 alle 18,30 (telefono 055.5090267, e-mail: biblioteca@figc.it).

    L'emeroteca è consultabile, invece, previa richiesta scritta e motivata alla Segreteria del Settore Tecnico.

  • Il nuovo Corso per Allenatore Dilettante di 1, 2, 3 categoria e Juniores regionali abilita anche ad allenare nel Settore giovanile?

    No, tale abilitazione è finalizzata alla titolarità del tecnico ad allenare le categorie di cui sopra in quanto il programma di svolgimento del corso prevede esclusivamente l’approfondimento di materie che riguardano l’allenamento a livello dilettantistico.

    Per allenare in altri campionati è necessaria quindi la qualifica di allenatore di terza categoria (in esaurimento) e quella attuale UEFA B i cui programmi prevedono materie afferenti sia  la parte dilettantistica che quella dei campionati giovanili.   Inoltre le stesse consentono la possibilità per poter accedere al corso UEFA A professionistico cosa non prevista per gli allenatori dilettanti  di 1 2 e 3 ctg e Juniores regionali.

  • Se uno smarrisce il tesserino di allenatore, cosa fare per ottenere il duplicato?

    Richiederlo alla segreteria del Settore Tecnico allegando copia denuncia/smarrimento rilasciata dagli organi preposti. 

  • Come si diventa allenatore dilettante?

    Si diventa allenatore dilettante frequentando un corso della FIGC-Settore Tecnico. Il primo livello di corso previsto dalla FIGC è quello per l’abilitazione ad Allenatore di Base – Uefa B.

  • Come si diventa allenatore professionista?

    Frequentando un apposito Corso Centrale. Esistono due livelli di allenatore professionista: Allenatore Professionista di Seconda Categoria – Uefa A ed Allenatore Professionista di Prima Categoria – Uefa Pro. Si accede ai due tipi di corso previa selezione e solo se già iscritti nei ruoli dei tecnici nella qualifica precedente. I requisiti necessari sono determinati dal Bando di Ammissione. Alla fine del Corso si viene abilitati solo superando gli esami finali previsti.

  • Quali squadre può allenare l’allenatore professionista?

    L’Allenatore Professionista di Prima Categoria – Uefa Pro è abilitato alla conduzione tecnica di squadre di ogni tipo e categoria. L’Allenatore Professionista di Seconda Categoria – Uefa A è abilitato alla conduzione tecnica di squadre di società della Lega Professionisti Serie C, della Lega Nazionale Dilettanti e delle squadre giovanili di ogni ordine e grado. Può altresì svolgere mansioni di “allenatore in seconda” di società della Lega Nazionale Professionisti.

  • Come si diventa allenatore dei portieri?

    A partire dalla stagione sportiva 2011-12, l’iscrizione all’Elenco Speciale degli Allenatori dei Portieri costituirà l’unica qualifica necessaria per essere tesserato quale Allenatore dei Portieri. Di questo Elenco hanno diritto di far parte coloro che al 30 giugno 2011 siano stati tesserati - come risultante dall’emissione della tessera annuale da parte del Settore Tecnico - per almeno tre stagioni sportive, anche non consecutive, quali allenatori dei portieri presso società professionistiche e/o abbiano svolto tale attività a livello di Rappresentative Nazionali.
    Potranno inoltre far parte dell’Elenco quanti – già iscritti all’Albo dei Tecnici presso il Settore Tecnico ed in possesso di un diploma di allenatore – conseguiranno l’abilitazione ad Allenatore dei portieri da parte del Settore Tecnico che organizzerà annualmente appositi corsi, a partire dalla stagione 2009-10.

  • Nelle Società Professionistiche è obbligatorio l’allenatore in seconda?

    Sì con la qualifica idonea alla categoria di appartenenza.

  • Nelle Società Professionistiche è obbligatorio il Responsabile Sanitario?

    Sì, ma con l’obbligo di aver conseguito la specializzazione in Medicina dello Sport.

  • Tutti possono frequentare il Corso per Allenatore di Base?

    Tutti possono fare domanda di partecipazione. Si accede al corso previa selezione e formazione di relativa graduatoria di ammissione. I requisiti necessari sono elencati sul Comunicato Ufficiale (Bando di ammissione) relativo ad ogni singolo corso, nel quale sono riportate tutte le informazioni necessarie (data di svolgimento, sede, costi, tabelle attribuzioni punteggi, etc.).

  • E' obbligatorio avere il diploma di istruzione secondaria per il corso allenatore di base? E se si perchè ?

    Domanda suggerita da Filippo Piercaldesi

    E’ indispensabile la vecchia licenza di scuola media

  • In cosa consiste la prova pratica per allenatori di base?

    Domanda suggerita da Filippo Saponara

    La prova pratica d’ammissione al corso di base consiste nell’eseguire in modo sufficientemente corretto una serie di esercizi tecnici sia individuali che a coppia: palleggio individuale di piede, di coscia e di testa; a coppia, trasmissione della palla rasoterra con l’interno piede, con il collo piede (anche di drop), con l’interno collo piede (anche con traiettoria aerea) e con l’esterno collo piede; sempre a coppia su traiettoria aerea stop sotto la pianta del piede, con l’interno del piede (anche a seguire), con l’esterno piede (anche a seguire), sulla punta del piede, con il petto e con della palla in slalom tra conetti in forme diverse.  

  • Dove si svolgono i Corsi per Allenatore di Base?

    I corsi sono in sede regionale e si può partecipare solo nella regione di residenza.

  • Quali squadre può allenare un allenatore di base?

    Domanda suggerita da EUGENIO CASTELLAN

    Tutte le squadre giovanili ad eccezione delle squadre Primavera e le prime squadre di tutti i campionati dilettantistici. Mentre, come secondo, può allenare fino alla Prima divisione mentre in Serie A e in Serie B può essere tesserato come collaboratore tecnico.

  • Quali squadre può allenare l’Allenatore di Base – Uefa B?

    L’Allenatore di Base - Uefa B è abilitato alla conduzione tecnica di squadre di società appartenenti alla Lega Nazionale Dilettanti e di squadre di settore giovanile di ogni livello (Primavera esclusa). Può altresì svolgere mansioni di “allenatore in seconda” di società della Lega Nazionale Professionisti di Serie C.

  • Come si svolgono i corsi di Base–Uefa B? Quando durano?

    Domanda suggerita da Matteo Lunghi

    Durano cinque settimane e il programma varia da regione a regione. Mediamente i partecipanti sono impegnati dalle 4 alle 5 ore al giorno.

  • Il Corso abilita subito ad allenare?

    Si viene abilitati ad allenare e quindi iscritti nell’Albo dei Tecnici del S.T. FIGC solo se si superano gli esami previsti alla fine del corso.

  • Posso fare l’allenatore e il calciatore?

    Si ma solamente gli allenatori dilettanti possono tesserarsi anche come calciatori, solo e soltanto nella stessa società.

  • Regolarizzazione pagamento quote stagioni sportive.

    Il pagamento delle quote è obbligatorio per tutte le stagioni sportive e va effettuato esclusivamente su C/C  postale n°389502 intestato a Settore Tecnico F.I.G.C.

  • La richiesta di tesseramento dove si invia?

    Il modulo di tesseramento,debitamente compilato in ogni sua parte, accompagnato da fotografia e ricevuta di pagamento con i relativi accordi economici dei responsabili tecnici delle prime squadre di Società partecipanti: dal campionato L.N.D. fino alla prima categoria, ai campionati della divisione calcio a cinque A-B e ai campionati della Divisione di calcio femminile A-B devono essere depositati presso i rispettivi Comitati o Divisioni di appartenenza. Tutti gli altri tesseramenti, compilati in ogni loro parte, possono essere spediti direttamente al Settore Tecnico.

  • Le variazioni di incarico devono essere comunicate?

    Si, le variazioni di incarico (esoneri,dimissioni e cambio mansioni) devono essere comunicate obbligatoriamente al Settore Tecnico ed alle Leghe o Comitati di appartenenza.

  • Si può accedere direttamente ai Corsi Uefa o bisogna prendere prima il Diploma di allenatore di base?

    Per accedere al Corso per l’ottenimento del Diploma di Allenatore Uefa A è indispensabile aver acquisito il Diploma Uefa B e, similarmente, per poter accedere ai corsi di livello superiore è necessaria la qualifica immediatamente inferiore. Ricordiamo i tre livelli attuali secondo quanto prevede anche la normativa Uefa:
    Allenatore di base – Uefa B
    Allenatore professionista di II categoria – Uefa A
    Allenatore professionista di I categoria – Uefa Pro

  • Avendo fatto il corso Coni-Figc per istruttori di giovani calciatori, adesso che ho l'attestato a cosa sono abilitato?

    Domanda suggerita da Iannattone Benedetto

    Il corso dà solo un credito formativo di sei punti per partecipare al corso per Allenatore di Base-Uefa B; non abilita al tesseramento quale allenatore.

  • Su un bando per allenatori Uefa-B ho visto alla tabella "Attività dell'allenatore" la voce "Responsabile squadra settore giovanile (con iscrizione all'Albo Settore Tecnico e tesseramento). Mi chiedo: dopo aver ottenuto l'attestato del corso Coni-Figc da 6 punti ed essermi iscritto all'Aiac e tesserato per la mia socetà, posso ottenere i 2 punti previsti dalla tabella?

    Domanda suggerita da emiliano boasso

    No. Il codice "045” inserito nei Bandi dei Corsi di Base è relativo all’attività svolta in squadre di settore giovanile con la qualifica di Istruttore Giovani Calciatori, acquisita con corsi specifici per settore giovanile, organizzati dal Settore Tecnico prima del 1996, con relativa iscrizione nell’apposito Albo. Il corso Coni-Figc, invece, non attribuisce alcuna qualifica e tanto meno la possibilità di iscrizione all’Albo dei tecnici ma assegna un credito formativo di 6 punti ai fini della graduatoria per l’ammissione al corso di base UEFA–B.
    L’iscrizione all’Albo dei tecnici ed il successivo tesseramento potranno essere effettuati solo dopo aver ottenuto l’abilitazione e la conseguente qualifica di Allenatore di Base UEFA–B 

  • Leggendo il bando per le iscrizioni al corso di allenatore di base Uefa B ho visto che viene assegnato un punteggio (due punti) per ogni anno svolto nel settore giovanile come responsabile di squadra (allenatore), ma ciò purché si sia tesserati e iscritti all'albo de Settore tecnico. Ma solo con il corso informativo Coni/Figc si può essere icritti all'albo pur allenando per esempio una squadra militante nel campionato allievi provinciali? E c'è un modo per certificare gli anni passati se si è stati responsabili nelle categorie dai giovanissimi fino agli juniores provinciali?

    Domanda suggerita da Cristiano Baggiani

    No, solo con il corso CONI-FIGC non ci si può iscrivere all’Albo del Settore Tecnico e quindi non si può essere tesserati. E’ solo un Corso che dà dei crediti formativi per il Corso Uefa B.

  • Sono un straniero che abita a Londra, vorrei sapere se, come europeo, è possible partecipare ai corsi per allenatori di base a Coverciano. In caso affermativo, come?

    Domanda suggerita da Ahmadeo Hagi-Farah

    Uno straniero può partecipare ai corsi italiani solo dietro presentazione e autorizzazione della federazione di appartenenza e solo se conosce la lingua italiana. Nei bandi è prevista la possibilità per il Settore Tecnico di accettare tali candidature in soprannumero. Il Corso di Base costa 620€ e si svolge periodicamente sul territorio e non a Coverciano.

  • Lo scorso anno ho vinto il campionato di terza categoria ai play off ma la società ha deciso di ripartire dalla terza categoria e liberare me e tutti i giocatori. Io, come alcuni miei giocatori, mi sono trovato improvvisamente senza squadra. Ora potrei allenare un'altra squadra di seconda categoria con una deroga?

    Domanda suggerita da Alessandro Zamarco

    Spiacenti, ma la deroga vale solo per la squadra promossa in seconda categoria con lo stesso tecnico che nell’anno successivo alla promozione può allenarla nell’attesa del primo corso utile per regolarizzare la sua posizione.

  • Ho allenato una squadra di terza categoria negli ultimi tre anni senza il patentino da allenatore. Vorrei sapere se il patentino è invece obbligatorio per allenare una squadra di prima o seconda categoria. Per poterlo fare ho bisogno assolutamente del patentino da allenatore o esiste una deroga che me lo permetta per almeno un anno?

    Domanda suggerita da Alessandro Zamarco

    Soltanto in caso di promozione dalla terza categoria alla seconda è possibile per un solo anno usufruire di una deroga. In nessun altro caso è prevista; pertanto per poter allenare in una categoria superiore è necessario che ottenga il Diploma di Allenatore di Base

  • Ho un qualifica di istruttore giovani calciatori dal 1996 che posso allenare in un settore giovanile?

    Domanda suggerita da Massimo Lucchesi

  • Inserisci una domanda
    • Chiudi