FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • documentiDocumenti FIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio


  • photogalleryFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • videogalleryFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • faqFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

  • normativaFIGC Settore Tecnico Coverciano - Federazione Italiana Giuoco Calcio

Ufficio stampa12/9/2017

IL CALCIO COME SISTEMA COMPLESSO: COME PREPARARE AL MEGLIO GLI ALLENAMENTI

“Il mondo del calcio è un sistema complesso che richiama la vita reale: le interconnessioni tra tutte le sue componenti, che si influenzano vicendevolmente, determinano uno scenario fluido, mutevole, imprevedibile”. 


Partendo dagli studi scientifici inerenti al ruolo del sistema nervoso nell’ambito della motricità umana, e analizzando i cosiddetti ‘studi sulla complessità’, Albertini ha sviluppato un progetto sulla necessità di proporre in allenamento, gradualmente, ciò che viene poi vissuto in partita, focalizzandosi sulle relazioni tra gli elementi: per lui è infatti inutile agire esclusivamente, per esempio, sul singolo giocatore o addirittura sul singolo muscolo dell’atleta. 

Molte volte, infatti, in ambito calcistico, si affronta un problema globale cercando di risolverlo ‘localmente’: “addirittura è ancora molto diffusa la pratica di ricercare il miglioramento della prestazione tramite il potenziamento dei singoli muscoli dell’atleta, avvalendosi di apposite macchine di muscolazione per isolare i vari gruppi muscolari tra loro”. Ma, così facendo, “si perde di vista la fitta rete di relazioni attraverso la quale si sviluppa il gioco…”.
Utilizzando una frase di Albertini che riassume tutto il suo pensiero, “analizzare le cose troppo da vicino ci porta a smarrire la visione d’insieme”.

L’analisi di Claudio Albertini si conclude con una proposta di allenamento, dove dal particolare si arriva al ‘complesso’, ricreando infine una partita in undici contro undici: “perché ogni situazione di gara è unica e irripetibile, ma la squadra deve imparare a risolvere i problemi tattici nella sua interezza, con la collaborazione di tutti i giocatori in ogni fase di gioco”.



Claudio Albertini è attualmente il preparatore atletico della Primavera del Genoa.
Nello staff tecnico delle giovanili rossoblu dal 2008, Albertini da quest’anno è anche allenatore abilitato con la qualifica UEFA B.